Redazione al lavoro
Redazione al lavoro
 

 

Per pulire i denti e togliere la placca batterica in modo da evitare la formazione della carie, è indispensabile utilizzare strumenti che arrivino a rimuovere la placca tra un dente e l'altro.

È evidente che lo spazzolino non può in nessun modo arrivare a pulire gli spazi tra i denti e sotto il bordo gengivale.
Pertanto "lavare i denti" significa usare sia spazzolino e dentifricio, che filo interdentale.

Il filo interdentale è, un cordoncino formato da tanti fili sottilissimi, in genere di nylon.
Solo un filo può penetrare nello punto in cui i denti si toccano; solo un filo può asportare la placca nello spazio interdentale.

Se si vogliono prevenire le carie bisogna utilizzare il filo.

Un uso corretto del filo interdentale richiede pratica e attenzione.

In una seduta dal dentista l'igienista insegna l'uso corretto di questo importante strumento di igiene.

Modalità d'uso del filo interdentale:

  • usare un pezzo di filo lungo almeno trenta centimetri
  • avvolgere il filo solidamente intorno ai medi.
  • usando gli indici come guida, passare il filo in mezzo a tutti i denti inferiori, con il movimento insegnato dall'igienista durante la seduta.
  • ora svolgere il filo e metterlo sulla punta dei pollici
  • usando il pollici come guida, passare il filo in mezzo a tutti i denti superiori con il movimento insegnato dall'igienista.

Esistono molti tipi di filo. Ognuno può scegliere, con l'aiuto dell'igienista, il tipo di filo più adatto alle esigenze e alla conformazione della propria bocca.

FILO DI NYLON

Nota:
Se il filo esce sfrangiato, vi sarà o del tartaro o una carie; se in quello spazio vi sono otturazioni o corone metalliche, significa che la loro rifinitura lascia a desiderare.

FILO CERATO
FILO SETIFICATO
FILO PRONTO ALL'USO

Torna alla pagina precedente

 
Copyright 2000 - 2017 :: Made by Advertown Srl - P.IVA 12666780155